Posizione del Loto (Padmasana)
loto-slider

PADMASANA

 

INTRO:
La Posizione del Loto è l’asana da seduti per eccellenza, ma un po’ difficile da ottenersi. Tale posizione richiede una grande flessibilità delle articolazioni inferiori (Ginocchia e caviglie), difficile ad acquistarsi non appena si sia oltrepassata la prima giovinezza. Alternativamente i principianti possono ripiegare su altre posizioni simili ma più facili (Posizione del Mezzo Loto, Posizione Perfetta). Gli allievi esperti possono utilizzarla per la pratica quotidiana di pranayama o per la meditazione.

 

COME SI OTTIENE:
E’ opportuno, prima di cominciare l’esercizio, farsi un massaggio alle articolazioni delle ginocchia e delle caviglie ( possibilmente anche con una sostanza grassa) dopo di che si inizia seduti per terra con le gambe distese davanti a noi. Si piega il ginocchio destro e si solleva la gamba collocata più in basso a formare una specie di culla: l’esterno del piede è bloccato nell’incavo del gomito sinistro, il ginocchio è infilato nell’incavo del gomito destro. Si solleva la parte anteriore del busto verso l’interno della gamba destra in modo da allungare la colonna vertebrale (evitando che la zona lombare si inarchi
Si piega il ginocchio sinistro e si ruota la gamba all’esterno. Si allarga la gamba destra verso destra, poi si ferma il ginocchio premendo la parte posteriore della coscia contro il polpaccio. Si porta la gamba davanti al busto, eseguendo la rotazione a partire dal fianco e non dal ginocchio, e si appoggia l’esterno del piede sulla parte interna sinistra dell’inguine. Si avvicina il ginocchio destro il più possibile a quello sinistro, premendo il tallone destro sulla parte inferiore sinistra del ventre.
Ci si piega leggermente all’indietro, si solleva da terra la gamba destra e si porta la sinistra in alto davanti alla destra. Si fa scivolare la gamba sinistra sopra quella destra, appoggiando il lato del piede sinistro in profondità sulla parte destra dell’inguine. Adesso si deve cercare di piegare le ginocchia il più possibile ma senza esagerare. Unire le mani a preghiera davanti al petto.

 

CONSIGLI ED AIUTI:
Un passo preliminare per arrivare alla versione completa di Padmasana è costituito da Ardha Padmasana (POSIZIONE DEL MEZZO LOTO). Dopo aver portato in posizione la prima gamba, come descritto sopra, fai semplicemente scivolare quella collocata più in basso sotto l’altra e il piede all’esterno del fianco opposto. Se non stai comodo tenendo sul pavimento il ginocchio della gamba collocata più in alto, sostienilo con una coperta ripiegata a formare un certo spessore. Come per l’asana gemella, nel corso di ogni sessione di pratica esegui l’esercizio con entrambe le gambe per la stessa durata.
Le prime volte, mantieni l’asana solo per qualche secondo, e sciogli rapidamente la posizione. Ricorda che Padmasana è una “posizione su due lati”, perciò ogni volta che la esegui fai lavorare entrambe le gambe. Aggiungi gradualmente qualche secondo ogni settimana, fino a riuscire a resistere per circa un minuto senza sforzo. L’ideale è esercitarti con un insegnante che verifichi i tuoi progressi.

 

CONTROINDICAZIONI:
Problemi alle caviglie
Problemi alle ginocchia
Padmasana è considerata una posizione di difficoltà media/elevata. Va eseguita solo se si è già acquisita una certa dimestichezza o sotto la guida di un insegnante esperto

 

BENEFICI:
Calma l’agitazione mentale
Stimola bacino, colonna vertebrale, addome e vescica
Elasticizza caviglie e ginocchia
Allevia dolori mestruali e sciatici
Si ritiene che la pratica sistematica di questa posizione fino a gravidanza avanzata faciliti il parto.
Secondo i testi tradizionali, Padmasana distrugge tutte le malattie e risveglia kundalini.

Loto nello Yoga

loto-2
loto-1
loto-3
Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someoneShare on LinkedIn

Yogadispirito.it ©2016

info@yogadispirito.it