Saluto al Sole (versione avanzata)

Importanza: il saluto al sole è il classico per eccellenza tra gli esercizi di Yoga. Inoltre è una pratica di riscaldamento ideale prima delle asana (esercizi). Sono un totale di dodici posizioni corporee (ma esistono molte varianti  più o meno difficili )che fluiscono le une nelle altre costituendo una sequenza armoniosa. Nella mitologia dell’induismo il Dio del Sole rappresenta la salute e la longevità. Con questa sequenza viene salutato il sole nascente e per questo motivo la sua collocazione ideale è dentro un programma di esercizi da farsi la mattina presto.

Numero di ripetizioni: iniziate con due/ tre saluti al sole, poi con il tempo potrete incrementarne il numero fino a dieci.

Quando eseguirlo: secondo la tradizione viene eseguito all’alba, ma può essere svolto in qualsiasi momento della giornata (consigliato a stomaco vuoto) come esercizio preparatorio alle asana.

Benefici: Stimola la respirazione,  la digestione e la circolazione sanguigna, mobilità tutte le maggiori articolazioni in particolare le giunture di vertebre, mantiene vigile la mente, equilibra il tronco e scioglie tutte le maggiori articolazioni, ringiovanisce il corpo e la mente.

Limitazioni: in caso di disturbi alla schiena, alle ginocchia o alle spalle, come anche in caso di ipertensione o di capogiri, è bene fermarsi alla versione per principianti. Per chi sia in buono stato di salute non sussiste alcune controindicazione a eseguire la versione avanzata dell’esercizio. Ma non sopravvalutate le vostre possibilità, e cimentatevi nella versione avanzata solo dopo che vi sarete abituati a quella più semplificata, ne conoscerete  bene le sequenze e l’esecuzione non vi affaticherà più in alcun modo.

Come si esegue:

Saluto-al-sole-1

1 Unite le palme delle mani di fronte a voi all’altezza del petto ed espirate profondamente.

Saluto-al-sole-4

2 Inspirando sollevate le braccia esternamente disegnando un grande arco fino ad arrivare alla sommità del capo .

Saluto-al-sole-3

3 Portate le punte delle mani e le braccia  all’indietro incurvando delicatamente la colonna vertebrale.

DSC_0316

4 Riportate il tronco, le braccia e le mani in verticale.

Saluto-al-sole-5

5 Piegate il busto in avanti portando le mani alle ginocchia o ai piedi.

Saluto-al-sole-6

6 Spostate molto indietro il piede destro. Allo stesso tempo sollevate leggermente la gabbia toracica e la testa, dunque inspirate profondamente e con lentezza.

Saluto-al-sole-7

7 Mandate le braccia e le mani unite  all’insù  e se l’elasticità lo permette tendetele all’indietro in modo da formare un arco con la gamba destra.

DSC_0362

8 Sciogliete la posizione precedente portando le mani in avanti poggiandole a terra ed espirando portate adesso anche la gamba sinistra all’indietro, in modo che sia allungata parallelamente alla destra.

DSC_0369

9 Applicando una delicata rotazione alla testa mandate lo sguardo all’indietro a guardare il piede sinistro.

10

10  Ritornate con lo sguardo davanti a voi e dopo una leggera pausa roteate la testa questa volta verso destra mandando lo sguardo all’indietro a guardare il piede destro.

11

11 Ritornate con lo sguardo davanti a voi.

13

12 Piegate il busto mantenendo le braccia ripiegate vicino ad esso.

13-1

13 Alzate il busto mandando lo sguardo davanti a voi ed inclinando la colonna vertebrale all’indietro facendo attenzione a rimanere il bacino ben saldato a terra. Il collo e le punte dei piedi sono distese a terra.

14

14 Sciogliendo la posizione di prima, mandate il sedere sopra facendo attenzione a rimanere le mani e i piedi ben fermi a terra.

15

15 Alzate la gamba sinistra e mandate lo sguardo ad essa.

16

16 Alzate la gamba sinistra e mandate lo sguardo ad essa.

17

17 Sciogliete la posizione precedente e questa volta mandate all’insù la gamba destra cercando sempre di mandare lo sguardo alla gamba destra.

18

18 Sciogliete la posizione e portate la gamba destra in avanti avendo cura di rimanere la gamba sinistra in indietro.

19

19 Allo stesso tempo sollevate leggermente la gabbia toracica e la testa, dunque inspirate profondamente e con lentezza.

20

20 Se riuscite mandate le mani e le braccia a guardare il cielo o meglio ancora all’indietro a formare un arco con la gamba sinistra.

21

21 Portate le braccia a terra vicino al piede destro .

22

22 Alzando le gambe e inclinando il busto cercate di portare le mani sulle ginocchia, meglio ancora a terra, ma senza esagerare.

23

23 Inspirando sollevate le braccia esternamente disegnando un grande arco fino ad arrivare alla sommità del capo .

24

24 Portate le punte delle mani e le braccia all’indietro incurvando delicatamente la colonna vertebrale.

25

25 Portate le punte delle mani e le braccia all’indietro incurvando delicatamente la colonna vertebrale.

26

26 Sciogliete la posizione e unite le palme delle mani di fronte a voi all’altezza del petto ed espirate profondamente.

Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someoneShare on LinkedIn

Yogadispirito.it ©2016

info@yogadispirito.it